Carta

Da qualche decennio a questa parte è iniziato l'utilizzo della carta nell'arte dell'intreccio, ma se torniamo agli anni sessanta a scuola già si facevano le cerbottane con la carta.
La carta è un materiale di riciclo facilmente reperibile, disponobile in diversi tipi in base al suo utilizzo. La carta ritorta, che viene prodotta a livello industriale, è molto resistente e per questo viene utilizzata sia per impagliare le sedie sia per i manici degli shopper di carta.

Nel fare le cannucce si usa la carta di stampa foto-offset come ad esempio giornali, elenchi telefonici, volantini promozionali, riviste, ecc.
Per ottenere una buona varietà di colori si possono utilizzare quotidiani e volantini pubblicitari 

I° fase: taglio delle pagine in tutta la loro lunghezza, l'altezza varia in base al lavoro da eseguire, creando delle strisce di carta

2° fase: selezione delle pagine in base ai colori che voglio utilizzare

3° fase: creazione delle cannucce arrotolando le strisce di carta con un ferro da maglia o uno stuzzica-dente lungo da spiedino, di misura variabile in base al lavoro da svolgere, e incollando la parte finale del foglio per evitare che la cannuccia si disfi.

4° fase: Una volta preparate le cannucce, si inizia ad intrecciarle. Per unirle tra loro (fare la giunta), si inserisce l'estremità di una cannuccia all'interno dell'altra, realizzando oggetti originali ed unici, come ad esempio cesti, cappelli, lampade ecc. 

Cesteria in Italia | Intrecci di persone, ambiente e storia nel bel pease
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!